LaLuceCheCercavi

Sito Cattolico

Piccola Medjugorje

Banner

 
   
  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
08/07/2017 07:00  

Consiglio del mattino di sabato 8 luglio 2017

Consiglio del mattino di sabato 8 luglio 2017

I figli…



Dio ha pensato ad un genitore per ogni sua creatura. Per ogni genitore, ha pensato anche ai figli che gli avrebbe mandato.



Ogni genitore dovrà, attraverso il figlio, continuare l’esperienza di Dio nel luogo dove si nasce o dove si andrà. A volte, è molto dura l’esperienza genitoriale con alcuni figli… e anche viceversa. Però analizziamo l’esperienza genitoriale: con alcuni figli, purtroppo, non sempre si riesce ad essere genitori, talmente è inspiegabile che non resta che lasciarli andare alle loro esperienze negative, che solo la Madonna può mettervi mano! Anche noi genitori siamo stati figli; sicuramente i nostri genitori hanno dovuto pensare a come tirarci su, con sacrifici, rinunce e mille difficoltà. Fare i genitori è il mestiere più difficile.



Non rattristiamoci se alcuni figli sono ribelli o sbandati, prima o poi torneranno sui loro passi, mostrando i frutti dell’educazione che, nonostante il loro rifiuto, siamo riusciti a dargli ogni volta che ne abbiano avuto occasione! “Figli, amate i vostri genitori; genitori, non esasperate i vostri figli!” Facendo ciò l’esperienza terrena non sarà mai cancellata! Buongiorno, amici felici di assomigliare ai nostri genitori! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, l’ “assomiglio a mia madre” di Dio. Amen. Tu invece a chi assomigli?


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
07/07/2017 07:00  

Consiglio spirituale del mattino di venerdì 7 luglio 2017

Preghiera…



Che cosa ti ho fatto

mio Signore? Ti ho riempito di chiodi di nuovo! Cosa ti ho fatto mio Signore?… Anziché toglierti la corona di spine, te ne ho messo un’altra più pungente! Cosa ti ho fatto, Signore! Ho scagliato la lancia affilata nel tuo cuore! Mio Signore, anziché difenderti dall’uomo iniquo, mi sono vergognato di te, sghignazzando e ridicolizzandoti.



Cosa ti ho fatto, mio Signore! Ho lasciato che il peccato mi usasse a piacer suo! Ora che sembra che ho tutto, non mi sento soddisfatto, cos’è che mi manca? Forse il coraggio di chiedere di nuovo perdono, mio Signore. Ma tu, mio Signore, ancora una volta mi hai aperto il tuo nobilissimo e misericordioso, profumato, cuore.

Buongiorno amici, prima di peccare guardiamoci allo specchio, perché dopo non riusciremo a farlo! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, il “debole che si riconosce” di Dio. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
06/07/2017 07:00  

Consiglio spirituale del mattino di giovedì 6 luglio 2017

Falsi allarmi?



La gente cerca conforto in coloro che sono preposti. Se questi non corrispondono ci sarà qualcun altro che lo farà per loro! Questo qualcuno potrebbe essere chiunque tra di noi… Chi lo fa possiede il dono della “consolazione” e non si fermerà certo dinanzi alla svogliatezza di qualche mediocre preposto! Perciò, tutti, in virtù del nostro battesimo, occupiamoci di dare speranza e letizia al nostro prossimo, non trascurando il dovere di evangelizzare!



Tutti siamo tenuti a difendere il patrimonio di fede trasmesso dai nostri antenati. Si, amici, difendiamo le nostre ingenue tradizioni, fatte di profumi antichi, di rinunce e di odore di terra… Delude fortemente chi non rispetta le nostre usanze ultra-decennali e i sacrifici di un lontano passato che va custodito gelosamente in onore della nostra storia locale. No, amici, chi tace omette la verità e diventa complice di chi rivestendosi di “autorità”, sgretola e mina il nostro patrimonio culturale e cristiano! Difendiamo la Chiesa Viva e che opera, che cerca di fare qualcosa di buono, su questa terra creata dal buon Dio! Buongiorno amici evangelizzatori di ognuno! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, il “porta con orgoglio la sua croce” di Dio. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
05/07/2017 07:00  

Consiglio spirituale del mattino di mercoledì 5 luglio 2017

Accordiamoci.



Abbiamo mai pensato che per far suonare uno strumento musicale bisogna accordarlo bene, così da poter ottenere il suo suono melodioso? C’è anche da pensare che a molti di noi, anche se il suono fosse scordato, non gli importerebbe nulla! Ora immaginiamo che ognuno di noi corrisponda ad una corda di uno stesso strumento, magari di una chitarra, e la Chiesa è il Chitarrista che cerca di accordare le corde per creare una grande armoniosa armonia, un suono melodioso capace di farci stare bene fra di noi, come una grande orchestra, che al tre del maestro inizia a suonare una melodiosa dolce canzone.



Non è bello, amici, che tutti insieme ci lasciamo accordare per lodare Dio? Così dovrebbe essere che chi ha un “potere” dovrebbe creare armonia e non “stonature” che feriscono l’anima. Anche il nostro cuore va quasi sempre accordato, se non “suona” bene. La nostra cassa armonica è il nostro petto che gelosamente custodisce note buone e note brutte. Perciò amici prima di emettere un cattivo suono con la bocca, usiamo bene la nostra metrica, cioè il battito del nostro cuore. Buongiorno, amici, diventiamo tutti musicisti simpatici! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “il violinista di Dio.” Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
04/07/2017 07:00  

Consiglio spirituale del mattino di martedì 4 luglio 2017

Che confusione…



Chissà perché a volte ci comportiamo come bambini, a Napoli si dice: “a votata ‘e luna”: la girata di luna. Ma un po’ di umiltà, di maturità, quand’è che arriverà per noi tutti? Poi, quando non ci va bene qualcosa, usiamo i “social” e subito escono scritte e riferimenti, magari su WhatsApp si abbandona oppure si taglia fuori qualcuno dal gruppo o si diffonde la convinzione di non voler vedere più nessuno… Che capricci… si creano barriere, ma la domanda è: abbiamo finalmente chiuso fuori gli altri o siamo noi stessi ad esserci chiusi dentro? Abbiamo isolato o ci siamo isolati? Non bisogna essere rigidi sulle proprie opinioni, perché potremmo essere in errore e “perseverare è diabolico”!



Farsi capire e capire ci fa crescere nel bene per andare avanti. Amici, siamo tutti, dico tutti, destinati a comparire davanti a Dio per le nostre buone o cattive azioni!… Non servirà neanche pregare, recitare Rosari, Sante Messe o “sentirsi” Capigruppo: ma chi, scoprendone la vera natura, continuerebbe a seguire questi tipi mediocri? Se invece, amiamo, perdoniamo e accettiamo confronti, senza calpestare il proprio prossimo; allora saremo chiamati persone giuste davanti a Dio e agli uomini. Pensiamo, prima di agire male. Buongiorno a tutti voi che siete stabili nel carattere e vi capita anche di sopportare per amore! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “la pasticca di tavor, di Dio”. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
03/07/2017 07:00  

Consiglio spirituale del mattino di lunedì 3 luglio 2017

Provaci sempre…



I casi più difficili e disperati non vanno mai assecondati; bisogna prenderli di petto, cioè studiarne i punti deboli e agire per non essere schiacciati da essi. Non esistono muri di acciaio! Tutti avranno un’intercapedine, un accesso, basta individuarne il punto debole. Lottiamo sempre, lottiamo per il giusto, lottiamo come tutti. Lo scoraggiamento non deve prendere il sopravvento; per superare il problema basta tranquillizzare il nostro animo: il nemico è la paura di non farcela. Andiamo sempre avanti finché Dio vorrà! Buongiorno a voi, guerrieri! Vi benedico tutti.



Diacono don Emilio Cioffi, il “si supera tutto di Dio!” Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
02/07/2017 07:00  

Meditazione della XIII domenica del Tempo Ordinario – 2 luglio 2017

Meditazione della XIII domenica del Tempo Ordinario – 2 luglio 2017

Ricordando anche la Vergine Maria delle Grazie.
La gioia di ognuno sta nel sapere che il Signore è sempre pronto a perdonare ogni nostro peccato, se a Lui ci avviciniamo con cuore sincero.

È triste essere peccatori e assaporare il peccato, ma la gioia è quando ci si avvicina al Signore e sentiamo la Sua Misericordia, che spazza via quella tristezza peccaminosa. Portiamo rispetto agli altri, perché negli altri, non dimentichiamolo, c’è Il mistero di Dio. Non importa chi è, cosa fa e dove va e come si comporta, l’importante è sapere che in ognuno di noi c’è il grande mistero della salvezza di Dio.
Dio ama tutti, non lascia nessuno nelle tenebre, non abbandona nessuno nel peccato. Viviamo questo giorno in armonia, con le grazie che Maria, attraverso il Suo Cuore e le Sue mani, diffonde sull’umanità. Si: Maria tu sei la nostra Grazia, tu sei Colei che dispensa le stelle del cielo ad ognuno di noi, soprattutto ai deboli, soprattutto a chi ha sete di quell’amore che proviene dal Tuo Cuore di Madre Santa!

Buongiorno amici e buona domenica, ricordiamoci: una domenica senza messa è un giorno come tutti gli altri, la stanchezza ci prende di più. Vi benedico.
Diacono don Emilio Cioffi, “il poverello tranquillo di Dio”. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
01/07/2017 07:00  

Consiglio del mattino di sabato 1 luglio 2017

Consiglio del mattino di sabato 1 luglio 2017

Gustiamo …



Fantasticare un po’ di più ringiovanisce i neuroni e ossigena il cervello! Usare la fantasia ci fa vedere il lato bello delle cose e allontana perfino le malattie! Si, amici, noi tutti siamo macchine complesse che vanno spesso revisionate per non restare bloccati ed essere “rottamati”.



Dio ci ha fatto dono della vita, ma abbiamo i nostri famosi “talenti” da far fruttare, le nostre inclinazioni; la nostra vita è importante, lasciarla nelle mani dei vizi è un danno per se stessi e per gli altri! Essere malati fisicamente non deve influire sull’anima, sul nostro spirito. Ora, anche se qualche parte del nostro corpo non è in forma, usiamo altre parti e lodiamo il Signore affinché ci sostenga e ci aiuti a tenere il morale “alto”! Buongiorno, amici, riponiamo sempre la nostra fiducia in Dio! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, il “non voglio pensare al male! di Dio”. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
30/06/2017 07:00  

Consiglio del mattino di venerdì 30 giugno 2017

Insistere.



Tiriamo fuori alcune cose belle, alle quali teniamo molto, senza la nostra solita paura di perderle, e viviamo liberi di usarle, di beneficiarne. A volte, dobbiamo fingere anche di giocare. Infatti, giocare con noi stessi, significa liberarci dalle nostre frustrazioni, dalle nostre stupidaggini.



Farci liberi, è il gesto più impegnativo che ogni essere deve compiere. Se ci sforziamo di essere liberi troveremo la voglia di giocare con noi e con gli altri. Un sorriso, una parola detta al momento giusto, potrebbe aiutare e aiutarci a vivere sereni. Perciò, non fermiamoci di fronte a queste catene invisibili che limitano la nostra libertà, ma cerchiamo sempre dentro di noi quello che abbiamo dimenticato, cioè la nostra fede, che vive in virtù della nostra volontà. Si, amici, perché no? cerchiamo anche negli altri ciò che è bello, pulito e vero; solo così facendo, trascureremo ciò che ci porta il buio dentro. Buona giornata a tutti, amici, e ricordiamoci sempre che chi cammina sa muoversi bene. Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “la carrozzella a due ruote di Dio”. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
29/06/2017 07:00  

Consiglio del mattino di giovedì 29 giugno 2017 – SS. Pietro e Paolo

Spendiamo giusto?



Ci siamo mai chiesti dove “abita” la crisi?

Qualcuno conosce dove dimora o come la vive chi ci ha messo in crisi? Tutti noi trasformati in pazienti dell’Economia! In giro solo malcontento, disperazione e malessere. Ci piacerebbe sapere dove si trova “io sto meglio di te?”



Valutando con più attenzione, ci accorgeremo che noi stessi siamo diventati causa della nostra crisi; infatti forse non ci accorgiamo che non spendiamo bene i nostri soldi.

Quante cose inutili compriamo, partendo dal cibo, alla minuteria; tutte cose inutili che contribuiscono solo a renderci schiavi dei carrelli della spesa e delle vetrine! Amici, se vogliamo combattere la crisi, compriamo di meno, compriamo il giusto ed evitiamo il superfluo e il “lusso” e vedremo risalire la nostra economia! Ci siamo mai chiesti quanto costiamo al giorno al più grande datore di lavoro, cioè Dio? Lascio a voi la risposta. Buongiorno amici ed evitiamo di svuotare i supermercati. Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “lo scontrino a costo zero di Dio.” Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
28/06/2017 07:00  

Consiglio del mattino di mercoledì 28 giugno 2017

Guarda oltre.



Viviamo un’epoca violenta, senza ragione, senza logica. Si, è proprio questa l’epoca che stiamo vivendo, dove essere educati è fuori luogo; noi tutti siamo dei proiettili vaganti che girano per cercare di colpire chiunque ci “pesti il piede”. Chi sono le nostre vittime? E chi colpire se non il debole, se non l’onesto, se non colui che già cammina con ferite aperte?!! Sì amici, diamoci una calmata, non possiamo andare avanti così: essere bombe o mitragliette o pistole o colpi che vengono sparati giusto per farlo! La nostra violenza, il nostro modo di essere, non ci porta beneficio; soprattutto non scenderanno grazie sopra di noi! Abbiamo mai pensato che Dio forse è molto stanco del nostro atteggiamento?



Facciamo un atto di riparazione per il nostro comportamento, chiediamo perdono a Dio e impegniamoci a costruire, e a seminare, pace! Per NOI tutti, col battesimo, prima del nostro nome viene quello di Gesù! Buongiorno amici, vi auguro di essere come fiori profumati! Vi benedico.



Diacono “Gesù” Emilio Cioffi, “il garofano azzurro di Dio”. Amen


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
27/06/2017 07:00  

Consiglio del mattino di martedì 27 giugno 2017

Consiglio del mattino di martedì 27 giugno 2017

Sii felice.



La tristezza, la malinconia, quasi sempre sopraggiungono perché guardiamo ai nostri simili e pensiamo che loro sono più fortunati di noi… e invece non deve essere così! Ognuno di noi ha una felicità che ci viene data direttamente da Dio, ed è quella della nostra esistenza nel mondo. Non sottovalutiamo la nostra vita terrena perché non ce ne sarà un’altra! Sforziamoci di essere sereni e apprezziamo le piccole cose che abbiamo.



Evitiamo di fissare lo sguardo sul lusso eccessivo di alcuni, perché certi lussi non portano felicità. Vivere una vita agiata non può prepararci la strada della felicità. Noi siamo tutti figli di un solo Dio, e già dal fatto che apparteniamo a Dio, dovrebbe renderci felici! Perciò impariamo a chiamare il nostro Dio “Abbá-Padre” e sentiremo subito il Suo Amore, la Sua Paternità; è ovvio che è tutta questione di fede; se non si ha fede, non si potrà mai chiamare Dio “Abbá-Padre”. Buongiorno amici e fidatevi: la felicità, la serenità, e la gioia, le possiede solo chi sa accettarsi e accettare la propria condizione! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “il sapermi accontentare di Dio”. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
26/06/2017 07:00  

Consiglio del mattino di lunedì 26 giugno 2017

Consiglio del mattino di lunedì 26 giugno 2017

La chiarezza…



Non troviamo scuse per non dire no.



Non facciamo finta di non aver capito per non perdere la poltrona. Proviamo ad essere seri e credibili; spesso veniamo circondati da ogni tipo di falsità… specialmente se si ha un po’ di ricchezza o di potere. Fuggiamo dalle falsità, dalle persone che non hanno chiarezza; queste riescono a distruggere lentamente la serena psiche. Ognuno di noi deve essere chiaro e diretto, dicendo “pane al pane, vino al vino”, senza nascondersi. I potenti della terra non ci salvano l’anima, non si lasciano impietosire da niente e da nessuno!



La serietà e la mitezza fanno un uomo “grande” davanti a Dio e non davanti ad un uomo incravattato che passeggia con una 24 ore vuota di sentimenti e piena di “affari” e freddi calcoli! Tutto passa, tutto Dio conosce di noi! Buongiorno, amici, e buon lunedì caldo! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “il ghiacciaio di Dio”. Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
24/06/2017 07:00  

Meditazione di Domenica 24 giugno 2017 - dodicesima settimana del Tempo Ordinario

Meditazione di Domenica 24 giugno 2017 - dodicesima settimana del Tempo Ordinario

Impariamo a riconoscere l’intervento di Dio, nelle cose piccole, nelle cose semplici, nelle cose giuste. Non tradiamo la Sua fiducia con comportamenti che allontanano la Sua Grazia da noi tutti. L’amore di Dio nasce nell’uomo, attraverso l’accettazione del Figlio.

Maria resta sempre il mezzo che collega il Padre al Figlio, il Figlio all’uomo. Lei è la madre-maestra per raggiungere la Santa Verità. Oggi, il mondo, ha dimenticato chi è il suo creatore. Molto presto sarà svelata la luce, quella luce, che le tenebre del mondo hanno voluto a tutti i costi oscurare attraverso la perdizione, i vizi, la violenza. Il Paradiso, l’inferno, il Purgatorio, sono i passaggi del peccato, i 3 passaggi che l’uomo può scegliere; la salvezza va guadagnata facendo del bene, soprattutto perdonando sempre, in ogni momento, in ogni occasione che si presenta.

Buongiorno amici, oggi è domenica, e bisogna correre in fretta in chiesa, per partecipare alla Santa Messa. Vi benedico.
Diacono don Emilio Cioffi, “il portaombrelli di Dio.” Amen.


  (PENSIERI DEL GIORNO DI DON EMILIO)
24/06/2017 07:00  

Consiglio del mattino di sabato 24 giugno 2017 – memoria di San Giovanni Battista

Aiutiamo….



Ormai si è capito: i poveri devono sempre più impoverirsi, i ricchi sempre più arricchirsi! Sembra proprio che sia un’azione spregiudicata, di guerra, contro le inermi popolazioni che il sangue di Cristo ha riscattato a caro prezzo! Si sente parlare di “salvataggio” ma, ahimè, solo a favore delle banche o di potenti industriali… ma mai una parola a favore della famiglia, Chiesa domestica! Le povere famiglie messe in difficoltà, come dicono loro, per “colpa della crisi” … che mette inginocchio, guarda caso, solo i poveri indifesi! Riflettiamo un poco su come viene presa in giro l’onesta povera gente, che di “salvataggio” forse ha solo un vecchio, gonfiabile salvagente, messo lì, in un angolo di casa, che aspetta da anni di essere usato! Buongiorno amici, sarebbe bello appendere fuori dalle nostre porte un salvagente!… chissà se capirebbero! Vi benedico.



Diacono don Emilio Cioffi, “il povero bagnino di Dio. Amen”

Auguri a tutti i Giovanni e Giovanna.


   

La luce che cercavi | Corso XXV archi, Roccaravindola, 86070 | (IS) - ITALIA | Tel: 349 50 75 948 |